Adriano Formoso, Psicoterapeuta e cantautore

Il cantautore

Adriano Formoso è un cantautore, psicoterapeuta psicoanalista di gruppo e naturopata-omeopata.
Vive e lavora a Milano e dal 2005 svolge attività di ricerca sulla correlazione tra frequenza sonora e risposta neuropsicofisiologica nell’essere umano.
Sintetizza con le sue canzoni messaggi terapeutici tratti dal lavoro con i propri pazienti.

Dopo il suo debutto, al teatro Ariston di Sanremo alla fine degli anni Novanta e la pubblicazione di due album Obiezioni di coscienza (RTI Music) e successivamente Cosa suona il mondo (Columbia Sony Music), oggi è pronto a tornare con un nuovo progetto in cui racchiude tutto il suo stile cantautorale e parte della sua esperienza clinica.
Formoso e i suoi pazienti utilizzano sonorità e linee melodiche con particolari frequenze appositamente studiate per intervenire su varie patologie.
Da questa innovazione nel curare attraverso il suono egli ha sviluppato una nuova disciplina che denomina Neuropsicofonia, definendola un approfondimento e un arricchimento della musicoterapia.
Il frutto della sua ricerca sulle implicazioni tra frequenze acustiche e risposte neuropsicofisiologiche hanno permesso la realizzazione del libro Nascere a tempo di rock, un’opera divulgativa e informativa sull'importanza della Neuropsicofonia sin dal concepimento.

Adriano Formoso si è avvicinato al mondo dell'arte sin da adolescente, sperimentando il piacere della pittura e della scultura, del teatro e della composizione musicale, arrivando nei locali milanesi dei Navigli e di Brera, recitando, cantando e suonando il pianoforte e la chitarra acustica in stile fingerpicking.
Tra gli eventi più rilevanti della sua carriera troviamo la pubblicazione in Italia e in Giappone dell’album Obiezioni di coscienza, una dozzina di brani che spaziano dal Rock al Blues alla musica etnica, registrati e arrangiati da Patrick Djivas della PFM.
Con questo primo lavoro discografico Formoso si è aggiudicato la partecipazione alla Giornata Mondiale della Gioventù voluta da Carol Woityla e al Festival Internazionale della Pace di Assisi.

Nel secondo album Cosa suona il mondo s’intrecciano suoni di chitarre elettriche ed acustiche in dieci canzoni dalla struttura lineare e sonorità ipnotiche, ben calibrate sulla sua voce calda e comunicativa.
Il brano La mia bicicletta è colonna sonora dei ciclisti durante il Giro d’Italia ed è stata inserita nella compilation Capogiro della Gazzetta dello Sport.

Questo artista intenso e provocatorio, alterna l’attività sanitaria a quella artistica esibendosi in eventi di vario genere sia da solo sia accompagnato da altri musicisti.
I suoi momenti live diventano arricchenti estratti di Gruppo Analitico e di scambio sinergico tra lui e il pubblico, tali da essere stati denominati da alcuni blogger conf-concerti.

Nel 2012 Adriano Formoso riscuote consensi in Argentina dove, a Buenos Aires, sperimenta la canzone come ausilio introduttivo alla terapia di gruppo.
Da questa esperienza condivisa con eredi dello psicoanalista argentino Salomon Resnik Formoso verrà denominato dai colleghi argentini psicocantautore e cantaterapeuta.

Nel 2018 viene pubblicato il suo ultimo lavoro discografico contenuto all'interno del libro Nascere a tempo di rock pubblicato da Nuovi Autori Riuniti Nar International.